Come migliorare Glutei, lombare e femorali, STIFF..

​Stiff
Stiff in inglese significa RIGIDO, è un esercizio molto efficace, ma poco comune nelle sale attrezzi.

Molto utilizzato nel mondo del bodybuilding, lo Stiff è un potentissimo esercizio per i posteriori della coscia e i para-vertebrali. 

Non è un esercizio indicato ai principianti perché richiede un’ottima coordinazione e flessibilità. 

Lo Stiff può essere praticato in due modi: con la gamba totalmente distesa o con il ginocchio leggermente flesso. 

Quando viene eseguito con le gambe distese, ha maggiore concentrazione negli ischiotibiali ( posteriori della coscia ), bisogna avere una buona flessibilità in tali muscoli e nelle articolazioni del femore.

Alcune persone non si sentono bene quando eseguono questo esercizio con le gambe distese, questo per via della poca flessibilità o qualche grado di accorciamento muscolare. La soluzione é farlo con il ginocchio leggermente flesso.

Quando lo Stiff è eseguito con il ginocchio flesso, la maggiore concentrazione è sui glutei, perché soffrono un forte allungamento mentre gli ischiotibiali rimangono flessi e perdono un po della loro azione.

Personalmente riesco a fare questo esercizio con le gambe totalmente distese, mantenendo una maggior ampiezza articolare per via di una ottima flessibilità, ma non tutti possono farlo.

Per un atleta avanzato utilizzare lo step e una ottima idea.

I gruppi muscolari piu richiesti durante questo esercizio sono i para vertebrali. Per fare lo stiff correttamente, dobbiamo mantenere la curvatura fisiologica della colonna vertebrale, questi muscoli soffrono una contrazione isometrica durante tutto l´arco del movimento.

Alcuni degli errori comuni sono di flettere ed estendere la gamba durante l´esercizio. E’ bene capire che con il ginocchio flesso o gamba distesa vanno benissimo, dipende solo dalla condizione fisica del individuo e l´obbiettivo del muscolo target, ma é di importanza fondamentale eseguire questo esercizio con la corretta postura da inizio, a fine serie di allenamento. Scegliete il modo di esecuzione e mantenetelo fino all’ultima ripetizione.

La maniera più comune di eseguire questo esercizio è con la sbarra, ma esistono altre variazioni come allo Smith, manubri,  unilaterale, inverso nello HACK Machine ( chiaramente alcune varianti sono solo per soggetti con preparazione atletica avanzata ).

Affidatevi sempre ad un professionista laureato e specializzato in tale materia. 
Rodrigo Cristofolini.